segreti

I Segreti del Trader Professionista

La vostra stessa conoscenza può diventare il vostro più grande impedimento nell’apprendere la professione del trader.

Ci sono domande molto comuni nei trader che di solito sono quelle del tipo:

Cosa fanno i Trader Professionisti che io non sto facendo?

Conoscono forse qualche segreto che io non conosco?

Scommetto che ognuno di voi almeno una volta si è posto queste stesse domande; perché in effetti il successo nel trading sembra avere qualcosa di misterioso, anche per coloro che operano di fatto già da qualche anno.

La vera domanda, quella corretta che invece ogni aspirante trader dovrebbe farsi è:

Come Pensano
Trader Professionisti ?

Il vero e principale segreto, del successo di un trader, risiede esattamente nel “Come Pensa”.

Allo stesso modo, ma all’inverso, il come pensate voi al trading è probabilmente la ragione di tutti i vostri fallimenti.

Cercheremo ora di capire che cosa accade nella mente di un trader professionista, mentre affronta il gioco psicologico che chiamiamo ingenuamente trading.

La prima regola, e non il segreto, è:

i Trader Professionisti
CERCANO DI CONTROLLARE SÉ STESSI E NON IL MERCATO

brain-image

Un trader professionista lascia che il mercato venga da lui/lei, non insegue mai nessun trade e non forza mai le cose.

Se il mercato crea un pattern, con dei criteri che lui conosce, lo prenderà, altrimenti se ne starà semplicemente fermo a osservare e aspettare che un buon trade si presenti.

Questo accade perché un trader professionista, sa sempre ed esattamente cosa cercare, semplicemente perché ha padroneggiato completamente tutta una serie di “Strategie di trading” che normalmente gli permettono di anticipare il mercato, piuttosto che, come fate voi “Reagire al mercato” avventurandovi in operazioni nel momento sbagliato e quando nella maggior parte delle volte è ormai troppo tardi.

linea2-600x28

ANTICIPARE PIUTTOSTO CHE REAGIRE

controllo_dati

Il significato di questa frase è che il vero trader, sa pianificare e anticipare i movimenti del mercato, non reagisce semplicemente ai grafici come fa il 90% dei trader perdenti.

Conosce e studia di norma tutti i livelli chiave dei vari asset che controlla, e semplicemente aspetta che si formino degli ovvi segnali d’ingresso che per lui sono inconfutabili.

Ecco come un trader lascia che i segnali e il mercato lavorino per lui senza mai forzare un trade, soprattutto nel momento in cui non c’è assolutamente niente da tradare.

La cosa importante da capire è che il mercato, nell’arco della giornata, può dare poche possibilità veramente buone, il compito del trader è proprio scovare queste poche opportunità nel modo più obbiettivo e distaccato possibile.

Vi posso giurare e assicurare che ogni trader professionista, sa esattamente cosa cercare, ancor prima di aver aperto la propria piattaforma e aver scrutato i grafici.

Quando vi avvicinerete al trading, da questa prospettiva, allora le cose cambieranno, sarete molto più calmi e rilassati, perché non avrete più quel bisogno, impellente e ossessivo di essere sempre a ogni costo dentro un trade. Comincerete a pensare che se qualche segnale buono si forma lo prenderete, altrimenti, aspetterete domani o dopodomani, non importa.

linea2-600x28

QUANDO UN TRADER PRO DEVE EFFETTUARE UN’OPERAZIONE FINANZIARIA, CONTINUA A CERCARE CASI E SITUAZIONI CHE POTREBBERO DIMOSTRARE CHE LA SUA TEORIA E’ SBAGLIATA

Undecided-Voter1

Un trader Pro, non pensa mai a quanti soldi sta’ facendo, bensì, a quanto riesce a stare nel suo piano trading con assoluta disciplina.

Il risk management è un aspetto fondamentale, che molti trader sottovalutano o peggio ancora, ignorano totalmente.

Se per esempio paragoniamo il trading al gioco degli scacchi, vi sorprenderà scoprire, ed è stato dimostrato, che i più grandi giocatori di scacchi si concentrano per la maggior parte del tempo, sui “Punti deboli di un’eventuale mossa” al contrario dei giocatori neofiti, che vanno semplicemente alla ricerca di conferme per le loro immaginarie ipotesi.

Gli scienziati ritengono che sia, la ricerca delle loro debolezze a farne dei bravissimi giocatori di scacchi. È riuscire a individuare e a escludere, tutti quei punti negativi che discordano dalla nostra ipotesi e che potrebbero trasformare la nostra operazione in fallimento completo.

linea2-600x28

NESSUNO SA ESATTAMENTE COSA FARA’ IL MERCATO

cartomante-consuelo

Per quanto un trader professionista, si applichi a diventare un bravo indovino, avvalendosi di tutta la sua conoscenza tecnica e delle strategie in suo possesso, il mercato riserva sempre e continuamente delle sorprese.

Perchè? La domanda al giorno d’oggi è veramente scontata: “i market mover”. Non conoscerli, equivale a salire su di una Ferrari, senza aver mai conseguito la patente di guida e peggio ancora senza aver mai guidato. Lascio a voi immaginare il risultato.

Bisogna prendere atto, che esiste una realtà, nel mercato finanziario di oggi, in cui molto spesso, le grandi compagnie finanziarie avendo a disposizione grandi capitali liquidi, muovono le barre  dei grafici su o giù solo spostando ingenti somme da una parte all’altra dei mercati, andando così a caccia dei vostri stop loss.

Imparare a conoscere questi movimenti è di assoluta necessità per la vostra stessa sopravvivenza.

Vi ricordate il giorno, che non avevate messo lo stop loss, sicuri che il mercato sarebbe andato in vostro favore e che nel caso contrario non avrebbe potuto fare molta strada? Vorrei ricordarvi che quel giorno avete bruciato il vostro conto trading, perché il mercato di colpo, in preda a una news che voi non avevate previsto/ricordato, ha volato per oltre 100 pips contro di voi (o altre situazioni simili), trascinando i vostri sudaticci risparmi, nel conto di qualche broker o banca.

Un trader professionista ha rispetto per il mercato. Sa che non potrà mai conoscere tutte le variabili del mercato ed è per questo che pensa molto di più al rischio di quanto pensi al guadagno.

linea2-600x28

LE EMOZIONI SONO NEMICHE DEL SUCCESSO

stoploss2.png

I trader professionisti sanno che, lasciarsi prendere da eccessi di emotività è la ricetta perfetta per un disastro annunciato. Del resto è nella natura umana lasciarsi prendere dalle emozioni, soprattutto nel momento in cui i nostri sudaticci soldi sono a mercato.

I trader professionisti sanno molto bene, che devono essere in grado di controllare e gestire le emozioni, e che se questo non accade il rischio di perdere soldi è davvero molto elevato e proporzionale a quanto si lasciano effettivamente dominare dalle loro stesse emozioni.

L’arma più efficace per tenere le emozioni a bada è sicuramente non oltrepassare la nostra soglia di rischio, ossia, quando entriamo a mercato dobbiamo essere consapevoli che potremmo perdere e quindi, dovremmo sempre usare una size che ci mantenga emotivamente sereni, sapendo che la sua perdita non ci creerà un danno irrecuperabile.

Solo voi, ovviamente, potete determinare a quanto corrisponde la cifra che siete potenzialmente in grado di perdere per ogni trade, senza entrare in agitazione e perdere la testa, oltre che i soldi. Nello stesso modo, anche l’euforia per aver chiuso un ottimo trade può, in linea di massima, condurre verso una sfocatura emotiva, che potrebbe farci cadere in un secondo trade fasullo. In queste situazioni, rimane tuttavia di vitale importanza, rispettare sempre il proprio piano di risk management.

Un trader professionista non agisce d’ impulso e sotto scariche emotive, tirando a indovinare dove andrà il mercato, ma come abbiamo già discusso in precedenza, agisce con fiducia e sicurezza, sapendo esattamente cosa sta’ cercando, avendolo già anticipato e previsto molte altre volte.

linea2-600x28

In definitiva

Se volete diventare un trader professionista allora iniziate a pensare come tale.

Iniziare a pensare come i professionisti, influenzerà le vostre abitudini commerciali e le renderà adeguate al vostro lavoro, che alla fine vi porterà a prendere decisioni di trading profittevoli.

Gli operatori professionali sono persone pazienti che anticipano il mercato e pianificano in anticipo le loro strategie, credono in loro stessi ed eseguono le loro operazioni con fiducia e sangue freddo. Gestiscono i soldi in maniera del tutto distaccata. Il tempo passato davanti ai grafici, l’esperienza nel mondo reale nel mercato, e il duro studio e applicazione delle vostre strategie, lentamente migliorerà le vostre prestazioni nel tempo, ma solo se riuscirete a sviluppare quei modelli di pensiero di cui abbiamo parlato sopra.

Ho passato personalmente oltre 10 anni a studiare i mercati, ma soprattutto a cercare di capire che cosa c’era di sbagliato in me o in quello che facevo e che non mi permetteva di  diventare un trader professionista.

beGAIN è il risultato di tutti questi anni di studio, se anche tu vuoi diventare un vero professionista e non dover impiegare 10 anni della tua vita e bruciare capitali, allora iscriviti al Metodo.

contattami

firma
linea2